MAMMA LI TURCHI!

Una corrispondente della Cnn ha informato che un contingente militare turco e' entrato nel nord dell'Iraq allo scopo di controllare i rifugiati e prevenire eventuali attivita' terroristiche. Un migliaio di soldati turchi sono entrati in nottata nel Kurdistan iracheno sotto il controllo dei gruppi curdi, secondo quanto riferisce la tv Cnn-Turk. I militari turchi sono passati da Cukurca, localita' al confine turco-iracheno. Sempre secondo l'emittente, i militari hanno il compito di preparare il terreno per l'arrivo di altre unita' che dovranno combattere contro i ribelli curdi turchi del Pkk-Kadek. La Turchia ha gia' da tempo una presenza militare di diverse migliaia di uomini nella parte del Kurdistan iracheno che sfugge al controllo di Baghdad dal 1991.
La Turchia ha detto di non avere ambizioni territoriali nella zona.

Il segretario di stato americano Colin Powell aveva ieri intimato Ankara a non inviare le sue truppe in Iraq. Gli Stati Uniti avevano espresso un fermo ''no'' alla presenza militare turca nell'Iraq del Nord, ma il governo di Ankara aveva in condizionato la concessione effettiva dello spazio aereo turco agli aerei americani (autorizzata ieri dal Parlamento turco) ad un via libera di Washington all'ingresso di truppe turche in Nord Iraq.
Il negoziato tra i due Paesi alleati aveva assunto caratteri persino parossistici. I turchi hanno detto: prima entriamo noi in Nord Iraq e poi vi diamo lo spazio aereo. Gli americani vogliono una sequenza contraria.
I turchi vogliono creare una fascia di sicurezza oltre il confine di 25 chilometri, gli americani vogliono concederla per soli 11 chilometri. Gli Usa si oppongono ad una presenza unilaterale turca in Nord Iraq, che provocherebbe aspre reazioni dei curdi nordiracheni.