"Fantastico show di luci nello spazio" grazie al telescopio Nasa

Esplode una stella, Hubble la fotografa

Lontana 20 mila anni luce dalla Terra, nel gennaio 2002 è diventata improvvisamente 600 volte più luminosa del Sole

WASHINGTON - Nel gennaio 2002, una stella fioca in una costellazione lontana è diventata improvvisamente 600 mila volte più luminosa del nostro Sole, trasformandosi temporeamente nella stella più luminosa della via lattea. Poi la stella si è pian piano spenta svanendo nell'oscurità, ma le osservazioni del telescopio spaziale Hubble hanno permesso di registrare un fenomeno detto "light echo" (eco di luce), che mostra la nube di polvere che circonda la stella. Immagini che permetteranno di fare passi in avanti nello studio delle stelle anziane.

SPETTACOLO - "Come alcune vecchie celebrità, questa stella ha avuto il suoi 15 minuti di fama", ha detto Anne Kinney, direttore del programma di astronomia e fisica della Nasa. "Ma la sua eredità rimane e rivela un fantastico show di luci nello spazio. Fortunatamente, Hubble ha un posto in prima fila per questo spettacolo unico nel nostro universo". La stella ripresa da Hubble si chiama V838 Monocerotis ed è a circa 20 mila anni luce dalla Terra.

VISIONE NITIDA - Emissioni di luce dovute all'esplosione di una stella circondata da polveri era stata vista per l'ultma volta nel 1936, molto prima che la moderna tecnologia di Hubble fosse a dispozione. "Mentre la luce dell'esplosione continua a scuotere la nube che circonda la stella, vediamo continui mutamenti dei margini della nube. Il fenomeno visto con Hubble è così nitido che possiamo fare una "tac" dello spazio intorno alla stella", ha detto Howard Bond dell'osservatorio di Baltimora.
28 marzo 2003
Corriere della Sera