Corretta con i propulsori della "Progress" l'orbita della Stazione Spaziale Alpha

13 febbraio 2003 - L'orbita della stazione spaziale permanente Iss è stata corretta martedì pomeriggio con la spinta dei motori del cargo russo Progress.
La manovra, che fino a qualche giorno fa sembrava rinviabile, stando a quanto reso noto dal centro di controllo di Koryolov, la Città delle Stelle alle porte di Mosca, è stata controllata dal computer di bordo dell'Iss.
La manovra di correzione avviata alle ore 14.34 di Mosca (le 12.34 italiane), sempre stando al centro dell'ente spaziale russo Rosaviakosmos a Koryolov, in pochi minuti "dovrebbe aver innalzato l'orbita dell'Iss di una decina di chilometri", posizionando la stazione spaziale permanente da 95 miliardi di dollari nella fascia ideale per la sua eclittica a circa 400 chilometri dalla Terra.
Il comando per l'avvio dei potenti motori del Progress è partito da Koryolov, ma poi la manovra è stata controllata dal computer dell'Iss. Questa era ormai su un'eclittica che toccava i 382 chilometri al perigeo e si abbassava di circa 200 metri ogni giorno.
Stando alla tabella di marcia ufficiale, la correzione dell'orbita dell'Iss sarebbe dovuta avvenire con la spinta dei motori di uno Shuttle, che si sarebbe dovuto levare agli inizi di marzo o al più tardi ai primi di aprile. In seguito alla sciagura del Columbia, tuttavia, i voli Shuttle sono stati per il momento sospesi e non è dato sapere quando potranno riprendere.
Fino ad allora, l'attività dell'Iss, seppure in misura ridotta, dipenderà interamente dai rifornimenti inviati con i cargo russi Progress e con i ricambi di equipaggio inviati con le navicelle russe Soyuz.
Inizialmente, al fine di risparmiare prezioso carburante, gli esperti russi avevano indicato che la correzione dell'eclittica della base spaziale creata con il concorso di 16 Paesi avrebbe potuto attendere fino al momento del lancio della prossima Soyuz. Questo è previsto sulla carta per il 26 aprile, ma nei giorni scorsi i tecnici di Rosaviakosmos hanno ritenuto probabile un rinvio, forse addirittura a metà maggio. L'equipaggio della base orbitante Iss verrà con ogni probabilità ridotto da tre a due persone. Tale programma dovrebbe essere definito nel corso di consultazioni fra i responsabili delle agenzie spaziali dei 16 Paesi partecipanti al progetto Iss tra circa due settimane.
L'ipotesi di ridurre da tre a due l'equipaggio della stazione spaziale permanente è una misura che, ha sottolineato il funzionario, sarà necessaria fino a quando non potrà riprendere il programma shuttle americano, sospeso dopo la tragedia del Columbia. La prossima missione Soyuz, con i primi due astronauti del cambio della guardia, è prevista fra la fine di aprile e metà maggio.