La sequenza degli avvenimenti della prima notte di guerra

3,28, a Badgad suonano le sirene

Alla 4,15 Bush annuncia in tv "l'inizio della liberazione dell'Iraq". Saddam, alle 6.32, lo definisce "è un criminale"

La sequenza degli avvenimenti della prima notte dell''attacco Usa all'Iraq.

3.01 (ora italiana) L'agenzia egiziana Mena batte il primo flash sulla partenza di B-52 dalla base inglese di Fairford diretti nel Golfo.

3.12 Un gran numero di bombardieri americani decolla dalle basi in Kuwait in direzione dell'Iraq. Lo riferisce l'agenzia di stampa egiziana Mena.

3.28 Suonano le sirene di allarme a Baghdad, le forze aeree Usa iniziano il bombardamento e la contraerea irachena risponde all'attacco. Fonti del Pentagono confermano che sono stati lanciati almeno 36 missili cruise contro installazioni di Baghdad dove potevano essersi rifugiati i vertici iracheni. Due dozzine di missili vengono lanciati da quattro navi da guerra e da due sottomarini statunitnesi situati in Golfo Persico e Mar Rosso, mentre bombe di precisione vengono lanciate contro circa una dozzina di postazioni di artiglieria nella zona.

3.33 Cade la prima bomba su Bagdad

3.34 Una nota del ministero della Difesa Usa - diffusa dalla Cnn, informa che nell'attacco sono utilizzati anche aerei Stealth F117 a.

4.15 In pieno attacco, il presidente degli Stati Uniti compare sugli schermi e dice: "è l'inizio della liberazione dell'Iraq". E subito dopo, attraverso notizie fatte trapelare dal Pentagono, l'Intellingence statunitense ammette che obiettivo del primo attacco era Saddam. Oltre ai missili Tomahawk e Cruise, vengono impiegati anche caccia "invisibili" F117. Dopo la prima serie di raid, durata circa 20 minuti nei cieli di Baghdad, intorno alle 4 comincia nel sud est della capitale la seconda incursione di bombardieri, ai quali rispondono le batterie contraeree irachene.

4.35 La terza massiccia serie di bombardamenti. La prima reazione del vertice iracheno è del figlio del rai, Usay Hussein. "Dio protegga il nostro leader - dice alla radio -. L'Iraq ha cominciato la jihad contro l'aggressore americano".

5.50 Gli allarmi della contraerea irachena avvisano della fine di questa prima fase dell'attacco. Mentre un funzionario dell'esercito del Regno Unito non conferma che sia giunto l'ordine di un attacco da terra. Da Washington cominciano a trapelare le prime notizie su come è stato deciso di lanciare l'attacco. Una riunione straordinaria con il presidente Bush, il suo vice Dick Cheney e il numero uno della Cia George Tenet sarebbe stata all'origine della decisione di partire con l'operazione "decapitare Saddam" prima della guerra su larga scala, prevista non prima di 12 ore dopo. Da Baghdad, le autoritá irachene cominciano ad annunciare un messaggio televisivo di Saddam Hussein intorno alle 4.30.

6,32 Saddam Hussein compare in tv, preceduto dal ministro dell'informazione. "Un attacco vergognoso, un crimine contro l'umanità", dice il rais che appare in divisa e legge un discorso indossando occhiali con lenti molto spesse. "Premete il grilletto e continuate a sparare - aggiunge - L'Iraq sarà vittorioso nel nome di Dio". Le parole di Saddam chiudono così la prima notte di guerra. 20 marzo 2003