GLI ANIMALI MOSTRO

Li chiamano "gli animali di Frankenstein". Sono mostriciattoli: cani e gatti che, per moda o per follia, sono stati geneticamente alterati. Un catalogo fatto di cani che non vedono o cosi' fragili da non poter essere neppure accarezzati, di gatti che non possono camminare in avanti o che non possono respirare perche' sono senza naso o che, senza pelo, soffrono continuamente il freddo.

L'Inghilterra si e' indignata da questi esperimenti, che coinvolgono anche pesci e uccelli, tartarughine e conigli: l'intero ventaglio, insomma, degli "animali da salotto". I colpevoli, secondo un'indagine del Daily Mail che ha provocato scalpore in Inghilterra, sono soprattutto in Germania e negli Stati Uniti. Ma gli interessi economici, per alimentare il mercato delle stranezze, sono tali da travolgere anche il buon senso.

La Sfinge e' un gatto creato non in Egitto ma in Canada, senza pelo - e quindi con la pelle grinzosa esposta agli elementi - e con le vertebre malformate che gli danno un passo saltellante apprezzatissimo - si dice - dai conoscitori. E lo Shar Pei, un cane cinese ormai estinto e "reinventato" in America, con un pelo cosi' folto e grinzoso da impedirgli di aprire le palpebre: e' cieco di fatto, e lo puo' diventare davvero per le infezioni provocate dalle ciglia che raschiano gli occhi.

Il Munchkin e' il bassotto dei gatti, con zampe lunghe appena otto centimetri. Non puo' saltare o pettinarsi. E poi, bulldog la cui razza e' stata manipolata per dargli un cranio piu' grande, con il risultato che i piccoli possono nascere soltanto per taglio cesareo e hanno problemi respiratori tali da poter morire se il loro primo giorno di vita e' troppo caldo. Ci sono anche gatti persiani senza naso, altri selezionati in America con dieci unghie per zampa, cani scozzesi cosi' sensibili a ogni rumore che un tuono li fa impazzire, cocker dal comportamento cosi' imprevedibile da essere ribattezzati Jekyll e Hyde. E conigli con le orecchie cosi' lunghe che non possono camminare, tartarughine con due teste. Un triste catalogo di creature infelici.