Arte e UFO. 2000/2001: la "Science Painting" e "Roswell" di A. Tranquilli

Di R. Malini


"PAC Padiglione dıArte Conemporanea - Milano
Sui generis. Dal ritratto alla fantascienza: la ridefinizione del genere
nella nuova arte italiana
29 Novembre 2000 - 11 Febbraio 2001
Una delle sezioni SCIENCE-PAINTING

Con questa sezione si entra nel vivo delle contaminazioni tra immaginario artistico, letterario e cinematografico. Tra mostri provenienti dalla fantascienza più tradizionale, alieni, uomini cibernetici e donne spaziali, gli artisti si sbizzarriscono in una scorribanda che prende a piene mani dall'immaginario cyberpunk e dal fumetto fantascientifico. La sala è aperta da una grande scultura luminosa di Francesco Scialò, immersa in un vasto spazio buio, che rappresenta un inquietante mostro futuristico, probabile
risultato di un esperimento biogenetico. Tra i quadri, si va dalle esilaranti guerre tra uomini e alieni di Fulvio Di Piazza, alle misteriose donne-animali di Karin Andersen in viaggio nello spazio, agli astronauti-alieni di Cristiano Pintaldi, alla grande astronave dei Matia fino a un ironico ritratto di formica futuribile di Fabrice De Nola. Tra le sculture, il gruppo Ultrapop ha riadattato per l'occasione quattro consolle
da videogioco che sembrano provenire da un improbabile passato o forse futuro; Corrado Bonomi presenta grandi sonde volanti e Adrian Tranquilli un imponente sarcofago dell'"alieno di Roswell" in grandezza naturale.

Fonte:
http://www.ufoitalia.net