UFO A ROMA

Roma, 28 febbraio 2003: Federico Dezi e altri testimoni avvistano una luce notturna dal comportamento anomalo.

La segnalazione di avvistamento che segue è per noi particolarmente significativa, anche se non le riserveremo né più spazio né una forma diversa rispetto alle altre che riceviamo e di cui appuriamo l¹attendibilità, prima di divulgarle. Si tratta di un avvistamento di una ³luce notturna², secondo la definizione di Joseph Allen Hynek, ovvero dell¹osservazione di un fenomeno luminoso avente un comportamento inconsueto rispetto agli oggetti aerei emananti luce di cui si conoscono natura ed origine. La particolarità del caso deriva dal testimone oculare che lo riferisce, il giovane ufologo Federico Dezi, che finalmente ha potuto osservare direttamente uno degli eventi che fino ad oggi aveva ³soltanto² studiato o indagato. In seguito ad alcuni episodi del recente passato, che hanno dimostrato come l¹ambiente ufologico italiano sia impreparato (salvo poche eccezioni) a trattare i casi che si verificano al proprio interno ­ovvero che contemplano l¹osservazione di un Ufo proprio da parte di uno studioso di ufologia- abbiamo valutato attentamente se fosse il caso di divulgare il nome del testimone principale, Federico Dezi, o di nasconderlo dietro una sigla, come diversi ufologi suggeriscono in queste evenienze. Federico non ha avuto dubbi: ³Siccome molti testimoni si espongono e ci accordano la loro fiducia, sarebbe assurdo da parte mia aver timore di rendere pubblica testimonianza riguardo a un evento cui ho assistito con i miei occhi. Un ufologo non è solo un teorico e certo non esclude ­anzi, lo desidera fortemente!- di osservare sul campo¹ l¹oggetto della sua ricerca. Se ha la fortuna di farlo, naturalmente, non deve saltare a conclusioni affrettate² (...)

C O N T I N U A S U http://www.ufoitalia.net; e in edericodezi-subscribe@yahoogroups.com tutta la discussione sull'ipotesi della spazzatura spaziale.