LE COSE CHE NON CI DICONO ( NIKOLA TESLA )

In questo articolo parlerò di un uomo molto importante per la storia dell'umanità che troppo spesso è stato volutamente messo da parte per i motivi che vedremo.

Tutti sanno che Thomas Edison scoprì la luce elettrica e Guglielmo Marconi la radio e che George Westinghouse costruì la prima stazione al mondo di energia idroelettrica. Tutto ciò è inesatto. L'uomo che inventò tutto questo più l'illuminazione a fluorescenza, la sismologia, una rete di comunicazione dati su scala mondiale e molto altro, fu l'ingegnere serbo Nikola Tesla. La sua vita è stata una serie di trionfi scientifici seguiti da una altrettanto lunga serie di personali disastri commerciali. Fu molto sfortunato ma anche parecchio sfruttato da persone che si appropriarono dei suoi meriti. Dopo la morte di Tesla l' FBI ne cancellò ogni traccia e informazione che lo riguardasse. Le informazioni che abbiamo oggi si devono a svariate testimonianze, ai suoi scritti, ad alcuni documenti dell'FBI resi pubblici e ad alcuni verbali dei tribunali.

Tesla, dopo aver terminato gli studi da ingegnere elettrico, chiese lavoro a Edison, ai tempi molto famoso per aver scoperto il modo per sviluppare corrente continua grazie a dinamo e generatori. Tesla si mise subito in luce per la sua preparazione ed intuizione ma Edison lo sfruttò facendogli risolvere svariati problemi nelle sue fabbriche senza mai pagare i compensi promessi. La corrente continua, però, dava molti problemi e Tesla costruì, per conto suo un motore che girava con corrente alternata, dopo di che si licenziò dalla Edison Electric Light. Entrò quindi a far parte di un gruppo, una SPA, nel quale fu obbligato a rendere più efficienti le lampade ad arco ( corrente continua ); il problema di queste lampade era che per funzionare dovevano trovarsi ad una distanza inferiore agli 800 metri da una centrale elettrica. Ovviamente questo agio potevano permetterselo solo le persone ricche perché i costi erano elevati. Tesla però era ossessionato dal voler dare la luce a tutti e a basso costo sfruttando il motore da lui inventato ( corrente alternata ). Ovviamente ciò avrebbe comportato un cambiamento totale nella produzione di corrente, sminuendo l'utilizzo di quella continua, e quindi gli azionisti della SPA lo espulsero dal gruppo. Tesla fu poi assunto da Westinghouse, un finanziatore che aveva problemi legali con Edison, per produrre generatori di corrente alternata. Da questo momento in poi cominciò una vera e propria guerra tra le fazioni di Westinghouse ed Edison. Per dimostrare che la corrente alternata era molto pericolosa Edison iniziò ad arrostire cani e gatti in pubblico. In più consigliò l'utilizzo della corrente alternata per i condannati a morte, i quali, fino ad allora, venivano uccisi con l'impiccagione; fu così inventata la sedia elettrica. La corrente alternata, però, ha un voltaggio molto basso e il primo condannato a morte sulla sedia elettrica, prima di spirare, arrostì per circa 20 minuti. Intanto Tesla aveva piazzato dei generatori che producevano corrente alternata per una serie di miniere che distavano circa 4 km da un fiume e che, quindi, non avrebbero potuto usufruire di corrente continua. Questa prova fu un successo.

Nello stesso periodo Tesla inventò la "bobina Tesla", un dispositivo che utilizzava la risonanza per produrre alta frequenza, elettricità ad alto voltaggio. Al tempo stesso, Tesla sviluppò un sistema di condensatore e bobina di sintonia, che è alla base di tutte le radio e televisioni moderne. Praticamente, Tesla, Brevettò la bobina e il dispositivo di sintonia radio sei anni prima che Marconi brevettasse la prima radio.

L'inventore serbo scoprì un principio fondamentale sulla corrente elettrica ad alta frequenza: essa non viaggia all'interno di un filo o di un qualsiasi altro conduttore, bensì al suo esterno. tale effetto, noto ai moderni ingegneri come "effetto pellicolare" o "effetto Kelvin", viene utilizzato in fili di acciaio avvolti in un rivestimento di rame; l'acciaio rende il filo resistente e il rame fornisce una bassa resistenza sulla superficie esterna, dove scorre la corrente. L'effetto pellicolare cominciò a far riflettere Tesla sul comportamento delle onde e lui fu il primo scienziato a capire che il calore, la luce, la radio, il suono, il magnetismo alternato e l'elettricità alternata fossero tutti equivalenti matematicamente.

In questo periodo produttivo della sua vita Tesla inventò anche la lampada a gas fluorescente, che illumina tuttora la maggior parte degli uffici e degli edifici pubblici moderni. Questa produce elevati gradi di illuminamento con piccole quantità di elettricità ed è molto più efficace delle lampade a filamento nel trasformare l'elettricità in luce. Tesla dotò il proprio laboratorio di un lungo circuito di filo elettrico intorno alla parete esterna, facendovi passare della corrente ad alta frequenza con un alternatore speciale che aveva costruito; sistemò poi una serie di lampade fluorescenti a gas in tutto il laboratorio, che lo illuminavano nella misura in cui la corrente passava attraverso il circuito chiuso. Le luci potevano essere poste in qualsiasi punto del laboratorio in cui fossero necessarie, senza bisogno di avvolgervi un filo, poiché funzionavano grazie a un'energia elettrica "senza fili". L'energia veniva radiodiffusa a partire dal lungo circuito e raccolta da piccoli circuiti di filo elettrico collegati ai terminali di ciascuna lampada a gas rarefatto. Tesla portò a termine una serie di esperimenti spettacolari con le nuovi correnti ad alta frequenza. Scoprì che poteva far passare tranquillamente un alto voltaggio lungo il proprio corpo, a condizione che l'intensità di corrente rimanesse bassa; scoprì quello che tutti gli ingegneri sopravvissuti a una scarica elettrica sanno, e cioè che non è il voltaggio ad uccidere, bensì la potenza della corrente: 5 millesimi di ampere che attraversano il torace interrompono il cuore, ma 2 milioni di volt a un milionesimo di ampere si limiteranno a far drizzare i capelli, senza recare alcun danno.

Dopo la vendita dei brevetti a Westinghouse, Tesla divenne famoso tra i giornalisti scientifici dei quotidiani newyorkesi e, grazie alla nuova ricchezza accumulata, cominciò a conoscere le serate mondane di New York. Iniziò ad organizzare serate ( da lui stesso pagate ) per personaggi importanti e alla fine si esibiva sempre con alcuni spettacoli sorprendenti. Tesla sapeva che se un voltaggio vibrava a una frequenza molto alta, la corrente trasportata non sarebbe passata lungo il corpo, limitandosi a percorrere la superficie esterna senza provocare alcun danno. Utilizzando questa conoscenza e il proprio corpo come conduttore, si esibì in dimostrazioni spettacolari del carattere sicuro della corrente alternata. Uno dei suoi trucchi più stupefacenti era tenere il filo elettrico di una bobina Tesla in una mano e produrre una scintilla dalle dita dell'altra mano per accendere una lampada.

Intanto la causa tra Westinghouse e Edison andava avanti, ma alla fine la spuntò Edison, mettendo in crisi la ditta di Westinghouse. Quest'ultimo trovò quindi altri finanziatori i quali, a loro volta, si fecero vendere i brevetti di Nikola Tesla e poi lasciarono nuovamente l'ingegnere serbo fuori dal gioco. La stessa cosa, però, accadde anche ad Edison che sfiorò il fallimento.

Tesla vendette i suoi brevetti per poche lire e si dimostrò ancora uno scarso affarista. Nel 1895 l'azienda di Westinghouse, ancora una volta in crisi, si unì alla General Electric ( la vecchia azienda di Edison venduta a suo tempo ) e vendette i brevetti di Tesla. Quest'ultimi furono usati per far funzionare delle fabbriche di Buffalo ( USA, vicino a Niagara ) trasportando la corrente alternata per oltre 32 Km, sfruttando proprio l'energia delle cascate del Niagara. Tesla divenne ancora più famoso, ma egli non aveva nessuna intenzione di fermarsi. In un discorso effettuato in un grande ristorante di New York in onore della buona riuscita del progetto del Niagara, disse che stava studiando un sistema ( e aveva già ottenuto dei risultati ) per far trasportare corrente alternata non più su fili, ma dispersa nell'etere. In questo modo avrebbero potuto usufruirne tutti, e gratis! Ovviamente questa dichiarazione diede inizio alla fine di Tesla in quanto la General Electric aveva appena cominciato a sviluppare apparecchiature per la distribuzione di corrente alternata; nello stesso tempo Tesla stava pensando ad una trasmissione gratuita tramite antenne!

Tesla anticipò, con le sue scoperte, anche la moderna sismologia, utilizzata oggi dalle compagnie minerarie per localizzare filoni metalliferi sotterranei; scoprì il sistema per far esplodere l'intero pianeta con delle vibrazioni ma, come scrisse nei suoi appunti, molti dei suoi studi li ha stracciati per non far si che qualche pazzo potesse usarli; inventò un lassativo meccanico; inventò il "circuito di sintonia" o "sintonizzatore" che è alla base di tutte le radio e tutti i televisori moderni; inventò un nuovo tipo di lampadina senza fili; nel corso di esperimenti sull'illuminazione fotografica costruì un tubo luminoso che emetteva raggi X e fotografò le ossa della sua mano; inventò il circuito di sintonia e riuscì a far si che su un insieme di duecento circuiti, uno solo rispondesse ai suoi comandi; inventò il tubo catodico e il microscopio elettronico prima ancora della scoperta degli elettroni; inventò la bobina Tesla per generare altissimi voltaggi; costruì la prima radio trasmittente e ricevente ( un sistema che anticipava i tempi ) impiegando una lampada ad aria a bassa pressione ed il principio della lampada era lo stesso della valvola termoionica e della valvola elettronica a vuoto, valvole che sono poi state usate in ogni radio fabbrica agli inizi del ventesimo secolo; inventò il telegrafo pluricanale senza fili e vi aveva visto la possibilità di sfruttarlo per migliorare un'arma navale in uso allora, mostrando un nuovo tipo di cacciatorpediniere sottomarino.

Qui sopra ho riportato alcune delle tante scoperte di Tesla, ma la sua storia non termina qui. Il suo laboratorio andò "accidentalmente" a fuoco e, non avendolo assicurato, Tesla rimase ancora una volta sul lastrico. In suo "aiuto" intervenne J.P. Morgan, un potente banchiere che vedeva in Tesla un investimento sicuro. Dopo l'incendio Nikola si spostò in Colorado dove costruì un laboratorio all'interno del quale ( non sto scherzando ) egli riusciva ad attirare fulmini e ad intrappolarne la potenza! Mentre stava costruendo un dispositivo, scoprì che le diverse velocità delle vibrazioni producevano delle onde stazionarie di diverso tipo nella sua asta di rame; aveva scoperto quello che oggi si chiama "lunghezza d'onda del segnale". Tesla poteva variare la lunghezza dell'asta e, con un'attenta sintonizzazione della lunghezza d'onda, poteva ottenere il massimo voltaggio nella sfera di rame. L'antenna di un moderno telefono cellulare utilizza ancora oggi l'antenna di sintonizzazione inventata da Tesla. L'ingegnere era anche in grado di produrre la risonanza del campo elettrico della Terra ed era convinto che questo avrebbe permesso di dominare il tempo meteorologico.

Tesla aveva anche scoperto come produrre fulmini artificiali e aveva sperimentato l'incredibile potenza del plasma dei fulmini globulari. Tali scoperte erano estremamente importanti. Molti scienziati sono convinti che il fulmine globulare possa essere la chiave per conoscere i processi che permettono al Sole di operare e che questo possa essere utilizzato per produrre energia elettrica a poco prezzo. Le centrali nucleari utilizzano oggi un processo chiamato "fissione", che produce scorie radioattive come il plutonio; la fusione termonucleare consente, invece, di ottenere un'energia nucleare pulita ed economica, trasformando l'idrogeno in elio per produrre energia. La fusione avviene però a temperature talmente elevate che non esiste alcuna sostanza sulla Terra che non si fonda nel tentativo di contenere questo processo. L'unica cosa che permette ai materiali di resistere a temperature così alte è una bombola di plasma, ed è esattamente ciò che costruì Tesla per creare il suo fulmine globulare; la sua scoperta fu di importanza vitale nello studio della fisica quantistica. Questi esperimenti portarono Tesla a un diverbio con Einstein, poiché l'inventore serbo si era convinto che la gravità fosse un effeto del campo e tale concetto non rispondeva certamente all'idea di Einstein che la gravità fosse uno spazio curvo.

Un'altra importante scoperta che Tesla fece in Colorado fu il sistema di creare onde elettriche stazionarie per trasmettere l'energia elettrica in tutto il mondo. I moderni scienziati sanno oggi che esiste una zona nell'atmosfera della Terra chiamata "cavità Schumann", ossia uno spazio tra la superficie piana della Terra e la ionosfera carica di elettricità; dal punto di vista elettrico, la cavità Schumann si potrebbe paragonare a un condensatore globale nell'atmosfera. Tesla riuscì a far vibrare questo condensatore globale nella sua totalità, con l'energia elettrica; e nessuno, in nessun luogo, benché provvisto di un apparecchio ricevente appropriato, sarebbe riuscito a consumare l'energia elettrica trasmessa in quel momento dall'inventore. Sembra che la cavità influisca sulla distribuzione dei fulmini in tutto il mondo e Tesla aveva dimostrato che era in grado di farla entrare in risonanza.

Tesla delineò un'immagine sostanziale di quello che egli chiamava "sistema globale" in quanto questo avrebbe offerto all'umanità dodici principali vantaggi di cui l'intero pianeta avrebbe beneficiato se si fossero collegate tra loro tutte le stazioni del telegrafo del mondo: il sistema avrebbe assicurato un servizio di smistamento sicuro e segreto dei messaggi di Stato; avrebbe permesso agli utenti del telefono di parlare con chiunque; fornito un servizio di trasmissione delle notizie ai quotidiani di tutto il mondo; dato la possibilità ai cittadini privati di scambiare messaggi in modo rapido e sicuro; collegato tutti i mercati azionari; trasmesso musica ovunque; fornito un sistema automatico in tutto il pianeta per sincronizzare gli orologi "con una precisione astronomica"; consentito la trasmissione di manoscritti, dattiloscritti o assegni; creato un sistema di navigazione che avrebbe comunicato agli ufficiali di rotta l'esatta posizione della nave in qualunque momento; fornito un mezzo per riprodurre automaticamente i messaggi in qualsiasi luogo su terra e su mare; consentito la riproduzione senza fili di fotografie o disegni; infine, avrebbe permesso di trasmettere energia elettrica in qualunque luogo del pianeta.

Leggendo quest'elenco circa un secolo dopo la sua formulazione, non riscontriamo nulla di strano nei primi undici punti, poiché sono tutti di uso comune oggi, benché il collegamento tra mercati azionari internazionali e il sistema di navigazione siano una realtà molto recente. Per Tesla il fatto di aver indovinato esattamente undici delle dodici previsioni formulate, rappresenta un'impresa notevole, degna di un eccellente profeta. Persino l'ultimo punto è oggetto di esperimenti negli ultimi anni e si è dimostrato tecnicamente una possibilità.

Mentre Tesla formulava queste idee; Marconi combatteva ancora per inviare messaggi in alfabeto Morse ad appena 80 Km di distanza. Fu tuttavia Marconi che trasformò molte delle idee di Tesla in una realtà e che viene oggi ricordato come l'inventore della radio. Dove sta allora la differenza? Marconi era abile negli affari, Tesla non lo era; Marconi lavorò con il governo e con i militari per perfezionare le proprie invenzioni, mentre Tesla si ostinò a lavorare da solo finché non avesse portato a termine il proprio sistema. Purtroppo ( o meglio, per fortuna ) Tesla era spinto dalla bontà per il prossimo e non era in grado di tenere all'oscuro le sue scoperte perché voleva garantire un tenore di vita decente a tutte le persone. Come si sa, però, spesso nel mondo degli affari ciò non è possibile. Infatti, quando l'ingegnere serbo terminò nuovamente i fondi, egli ne richiese altri a J.P. Morgan, il padrone della General Electric, in quanto Westinghouse si rifiutò. Morgan accettò, ma volle per sé il 51% delle azioni dei brevetti; così facendo Morgan poteva decidere se mettere in produzione i brevetti di Tesla oppure no. Da questo momento in poi l'imprenditore fece di tutto per "mettere i bastoni tra le ruote" a Tesla e lo screditò anche in pubblico più volte. Tutto ciò accadde in quanto se i brevetti sull'energia senza fili di Tesla fossero stati resi disponibili, tutti noi elettricità ed energia gratis. Così facendo la General Electric non avrebbe più guadagnato con la corrente alternata.

Cosa successe durante e dopo la morte di Tesla lo vedremo nel prossimo mese, dove metterò anche i metodi che oggi si possono usare per creare energia pulita e gratis per tutti, ovviamente questi metodi ci vengono nascosti e … le cose che non ci dicono… continuano…




Articoli sul web su Nikola Tesla, inventore di alcune tecniche per la free energy:
<
http://www.nexusitalia.com/personaggi.htm>
<
http://www.nexusitalia.com/testatika.htm>

Gli appunti e le macchine realizzate da Tesla, alla sua morte, avvenuta nel 1943 vennero sequestrati dai servizi segreti degli USA. Sono stati utilizzati per compiere ricerche e sviluppare applicazioni di per usi che vengono tenuti segreti, vedere al link:
<
http://www.nexusitalia.com/nexushaarp.htm>

Da questi articoli si può farsi l'opinione che i servizi segreti, controllati, come sostiene Icke dall'Elite Globale, tengono segrete scoperte scientifiche che potrebbero essere di grande beneficio per tutta l'umanità e al tempo cercano di sfruttare queste stesse scoperte per controllare e manipolare l'umanità
La vicenda di Tesla è analoga a quella occorsa a Wilhem Reich, lo scienziato che studiando l'orgasmo scoprì un'energia che permane tutto l'universo e chiamò ergonomia. Dopo avere cominciato a costruire macchine che funzionassero secondo i principi scoperti, e compiere dimostrazioni pratiche, negli Stati Uniti degli inizio anni 50' del novecento, fu accuso del reato "di avere compiuto ricerche ed esperimenti e pubblicato i risultati ottenuti", fu processato e condannato a due anni. Morì in carcere una settimana prima del suo rilascio, nel 1957
<
http://www.orgonomia.org/biografia.html>

Alessandro Leonardi

presidente della biblioteca

collaboratore C.U.N. ( Centro Ufologico Nazionale )

ricercatore indipendente di archeologia misteriosa e religiosa