In america fanno tutto in grande, anche la dittatura

Venticinque anni di campo di concentramento[1] per chi è contrario alla guerra perpetua proclamata dai guerrafondai... neppure Lenin, Mussolini, Stalin, Hitler, Mao, Pinochet, Pol Pot erano arrivarti a tanto...

Venticinque anni di galera per chi manifesta per la pace

Lo prevede un progetto di legge presentato in Oregon. Che, di fatto, equipara i manifestanti contro la guerra ai terroristi. Insorge l'opposizione democratica e le forze di polizia: così si peggiora il clima.

di Melissa Bertolotti

PORTLAND - L'obiettivo è dichiarato: scoraggiare le proteste contro la guerra. La pena prevista è altissima: 25 anni di prigione per chi scende in piazza per la pace. E' quanto prevede un progetto di legge anti-terrorismo presentato nell'Oregon. Dove, pare, i manifestanti contro il conflitto in Iraq vengono considerati alla stregua dei terroristi.

Puntuale, nello stato americano occidentale, è scoppiata la polemica. Il progetto di legge, presentato dal senatore John Minnis della maggioranza repubblicana, ha già riscontrato il "no" dell'opposizione democratica. Tanto che i legislatori stanno ora dibattendo sulla definizione esatta di "terrorismo" e sul valore della libertà di espressione prima di arrivare al voto nella commissione giudiziaria del Senato.

Stando a quanto si legge nel progetto di legge 742, comunque, il terrorista viene identificato come una persona che "pianifica o partecipa a un'azione in cui ci sia l'intento, da parte di almeno uno dei partecipanti, a distruggere" gli affari, i trasporti, le scuole, libere assemblee o il Governo. I sostenitori del documento aggiungono che le forze di polizia dovrebbero contare su leggi più drastiche per metter fine alle proteste di piazza.

A supporto di tale tesi vengono portate le numerose distruzioni che, secondo i firmatari del disegno di legge, sarebbero state causate durante una manifestazione contro la guerra in Iraq che ha visto sfilare a Portland migliaia di manifestanti. Secondo Lars Larson, sostenitore del progetto di legge, "è necessario dotarsi di nuove regole per controllare i manifestanti che sono in grado di mettere ko un'intera città". A chi protesta, infatti, secondo Larson non può essere permesso di bloccare, ad esempio, il passaggio di un'ambulanza. E, tantomeno, di spaventare i cittadini.

Numerose le voci che si sono alzate per contestare il progetto di legge. Andrea Meyers, dell'Unione per le libertà dei civili americani, fa notare che il così vago linguaggio utilizzato nello stendere il documento viola i diritti base alla libertà in nome della lotta al terrorismo. Non solo. Gli stessi sindacati di polizia e i gruppi delle minoranze contestano il progetto di legge per l'inasprimento dei rapporti che questo potrebbe provocare tra le forze dell'ordine e le fasce vulnerabili della popolazione, come i poveri, gli immigrati e i bambini.

(4 APRILE 2003, ORE 11)


[1] siti sui campi di concentramento:
http://www.freedomdomain.com/concamp.html
http://it.groups.yahoo.com/group/noomc-it/message/8362

Fonte:
http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0,1007,175422,00.html; inviato da Carmelo.