L'EX PRESIDENTE RONALD REAGAN COMPIE 92 ANNI

NEW YORK - L'ex presidente americano Ronald Reagan, che da tempo il morbo di Alzheimer ha condannato a un malinconico declino, compie domani 92 anni.
L'ex capo della Casa Bianca non riconosce da mesi i suoi familiari piu' stretti e da anni vive chiuso nella sua villa di Bel Air, un esclusivo quartiere di Los Angeles.
Reagan si e' confermato tuttavia il presidente piu' longevo degli Stati Uniti, un primato che aveva raggiunto l'anno scorso battendo il record di John Adams, vissuto 90 anni e otto mesi. Negli ultimi tempi ha avuto seri problemi di salute, oltre all'Alzheimer: due anni fa si e' rotto il femore, un incidente che per molti vecchi e' spesso fatale, ma che era stato superato grazie alla forte fibra da cow-boy.
Ex attore con la passione della politica, ex governatore della California, Reagan approdo' nel 1980 alla Casa Bianca diventando il 40/mo presidente degli Stati Uniti dopo aver battuto il democratico Jimmy Carter. Di li' a poco rimase gravemente ferito in un attentato. Lavorando in sintonia con il Congresso, regalo' nel 1981 agli americani un pacchetto di sgravi fiscali che contribui' ad abbassare l'inflazione ma porto' al raddoppio del debito pubblico nel successivo quinquennio.
Celebre per la sua definizione di Impero del Male assegnata all'Urss (una formula che con una qualche variante e' stata ripresa l'anno scorso da Bush con il suo Asse del Male: Iran, Iraq e Corea del Nord), il quarantesimo capo della Casa Bianca avvio' l'America verso il piu' grosso sforzo di rilancio dell'industria bellica e nel 1983 propose la costruzione dell'Iniziativa di Difesa Strategica.
Tra le sue iniziative di politica estera si sgenala l'invasione di Grenada e la firma del trattato Inf per il contenimento dei missili nucleari a medio raggio con l'Urss.

Collaborazione di Margherita Campaniolo.