A MAGGIO MISSIONE PER PRELEVARE I TRE ASTRONAUTI
La Sojuz porterà aiuto alla Iss

di Margherita Campaniolo

Il prossimo equipaggio della base orbitante Iss sarà composto da due astronauti che partiranno in maggio su una navicella russa Sojuz, per dare il cambio ai tre attualmente a bordo della stazione spaziale permanente. Lo ha annunciato a Mosca il direttore dell'ente spaziale russo Yuri Koptev, chiarendo che la decisione formale dovrebbe essere presa quanto prima dai responsabili del progetto Iss, impegnati a ridefinire i programmi dopo la tragedia del Columbia e la conseguente sospensione dei voli Shuttle da parte della Nasa. L'ente spaziale russo Rosaviakosmos, anche su sollecitazione del presidente Vladimir Putin, si è impegnato a far proseguire i programmi Iss con i mezzi a disposizione: due Soyuz e tre cargo Progress, che sono però in grado di coprire solo le esigenze di quest'anno. La Russia si è detta pronta a costruire altre astronavi, ma solo a condizione che i costi vengano coperti dagli Stati Uniti e dagli altri 15 partner del progetto.